top of page
regolamento italiano droni uav uas apr
regolamento europeo droni uav uas piloti
centro addestramento enac milano
consulenza registrazione dfliht
centro addestramento easa piloti uav uas

Normativa di riferimento per UAS 

  • Link Operazioni con drone - riferimento EASA

  • Link Regolamento UAS-IT - Edizione 1 del 4 gennaio 2021

  • Link Easy Access Rules for Unmanned Aircraft Systems

    • Questo documento è un compendio di lettura facilitata ed è aggiornato solo periodicamente. Per consultazione aggiornata dei documenti in esso contenuti riferirsi ai Regolamenti, AMC e GM in corso di validità

  • Link LG–2020/001-NAV Linee Guida per Operazioni UAS con UA di massa operativa al decollo inferiore ai 25 kg- Scenari VLOS e BVLOS Ed. n. 1 del 30 settembre 2020
     

  • Link Sito ENAC

  • Link Contatti Enac

  • Link Normativa Droni sito ENAC

  • Link FAQ ENAC

  • Link Sito D-Flight

  • Link Sito Enav

  • Link Circolare ATM-09A - Edizione 1 del 24 marzo 2021

  • Link Entità riconosciute ENAC

  • Link Categoria OPEN

  • Link Categoria SPECIFIC

  • Link Come si diventa Pilota UAS (drone) Open A1/A3

  • Link Come si diventa pilota UAS (drone) Open A2

  • Link Conformità degli attestati UAS conseguiti all'estero

  • Link Modifica paragrafo 6.4 della Circolare ATM-09A per il volo in area rossa Cat. Specific.

  • Link Nel caso di possesso di attestato A1-A3 EASA conseguito in uno Stato europeo diverso dall’Italia, l’utente che intende ottenere l’attestato A2 deve prima seguire la procedura presente sui servizi online al link https://serviziweb.enac.gov.it/ .

  • Link I-2021-013 Rev.01 (571.63 KB) del 14/11/2022 Attestati di pilota per operazioni di UAS e procedure per le entità riconosciute in attuazione del Reg. (UE) 2019/947

  • Link "MARCATURA DI CLASSE" Dal 01.01.2024, i produttori di UAS sono obbligati ad immettere sul mercato modelli di UAS rispondenti al Regolamento Delegato (UE) 2019/945

  • LG-2023-006/UAS Ed. 1 del 15 dicembre 2023 -  Linee Guida U-Space

  • Link Scenari OPEN - SPECIFIC di riferimento

  • Link Disposizione GENDISP-DG-05/10/2023-0000073-P - Estensione validità Attestati di Competenza di Pilota Remoto IT-STS

  • Link Dichiarazioni su scenari standard nazionali: misura di flessibilità in accordo all’art.71 del Regolamento (EU) 2018/1139

    • Proroga fino al 30 giugno 2024, gli operatori UAS potranno accedere al portale d-flight ed effettuare dichiarazioni rispetto agli scenari standard nazionali IT-STS-01 e IT-STS-02

NORMATIVA: Operazioni con UAS ricadenti nelle previsioni del Regolamento (EU) n. 2019/947

Il 1 gennaio 2024 diventa applicabile il Regolamento di Esecuzione (UE) n. 947/2019 della Commissione del 24 maggio 2019, relativo a norme e procedure per l'esercizio degli aeromobili senza equipaggio e le sue successive modificazioni, decadono le regolamentazioni nazionali in materia di operazioni con UAS a meno delle operazioni che ricadono nelle previsioni dell’articolo 2 comma 3 a) del Regolamento (UE) n. 1139/2018.

A partire dal 1° gennaio 2024, tutti i droni operati nella Open e Specific categoria (compresi quelli operanti in scenari standard nazionali o comunitari) dovranno essere dotati di un sistema di identificazione remota:

Link normativa

PARTE 6

  • Requisiti per i componenti aggiuntivi di identificazione remota diretta

  • Link ID Remote e Terminatore di volo conforme alla MOC2511

    • Il kit remote ID di Dronavia è un sistema di identificazione remota conforme al regolamento EASA 

Drones_poster4_EN_v4TN.png

Categoria Aperta "OPEN"

Link EASA Annex to Delegated Regulation (EU) 2019/945

 

in sottocategoria A1

  • Possono essere operati UAS con massa massima al decollo inferiore a 500g 

  • Classe C0 <250g - SI sorvolo di persone / NO assembramenti

  • Classe C1 <900g - No sorvolo di persone non coinvolte / NO assembramenti / Follow Me attivo max distanza 50 m dal pilota.

in sottocategoria A2

  • Classe C2 , >900g <4Kg possono essere operati UAS con massa massima al decollo inferiore a 4 kg mantenendo una distanza minima orizzontale 30m dalle persone oppure 5m limitando la velocità.

in sottocategoria A3

  • Classe C3 e C4 possono essere operati UAS con massa massima e inferiore a 25 kg essere effettuate a una distanza orizzontale sicura di almeno 150 metri da zone residenziali, commerciali, industriali o ricreative.


​Le competenze dei piloti sono stabilite dall’ENAC nel regolamento UAS-IT 
 

Tutte le operazioni non ricomprese nella Categoria Aperta Limitata effettuate con UAS che non presentano la marcatura CE sono da considerarsi rientranti nella Categoria Specifica IT-STS fino al 2 dicembre 2025.

Categoria Specifica (Specific IT / EU)

UAS dotati di classe C5 / C6

Regolamento di esecuzione 2021/1166 del 15 luglio 2021 che proroga la validità degli scenari standard nazionali fino al 2 dicembre 2025 di seguito le nuove scadenze:

Per operare negli scenari standard europei gli UAS devono avere l'etichetta di classe C5 oppure C3 ed essere dotati dell' "accessories kit C5 Terminatore e Paracadute conformi alla MOC2511" per essere conformi agli scenari EU-STS

  • Fino al 30 Giugno 2024 potranno essere sottoscritti gli scenari standard nazionali. (prorogati Link ENAC)

  • Dal 2 dicembre 2025 gli scenari standard nazionali cesseranno di essere validi.

Le operazioni in Categoria Specifica possono essere svolte, dopo che l’operatore ha provveduto a registrarsi nel sito d-flight, a seguito di:
 

  • Presentazione della dichiarazione nel portale D-Flight per le operazioni che ricadono negli Scenari Standard, pagamento dei diritti Enac, oppure

  • Autorizzazione da parte dell’ENAC per tutti gli altri tipi di operazioni

  • Essere in possesso di Attestato

    • IT-STS per gli scenari italiani

    • EU-STS per gli scenari Europei che coprono anche quelli italiani

Marcatura di classe UAS

Link ENAC

Dal 01.01.2024, i produttori di UAS sono obbligati ad immettere sul mercato modelli di UAS rispondenti al Regolamento Delegato (UE) 2019/945 con il riferimento di classe.

Classi_1.jpg
Classi_2.jpg
bottom of page